Penang – Malaysia, 2018

L’espansione del Penang Airport è il risultato di un progetto di Grimshaw Architects realizzato per il concorso che mirava all’espansione dello stesso aeroporto. La richiesta è stata quella di realizzare un Terminal che soddisfacesse obiettivi quali una maggior espansione degli spazi, la resa più efficiente di alcune attività e operazioni svolte all’interno dell’aeroporto, un ambiente che potesse migliorare l’esperienza dei passeggeri e la creazione di spazi di qualità destinati allo shopping.

L’esito di questi presupposti è stato un padiglione caratterizzato da flessibilità ed efficienza in termini, non solo di attività svolgibili all’interno, ma anche in termini costruttivi. La struttura si presenta come un enorme tetto ondulato retto da pilastri e grandi vetrate a tamponamento delle mura perimetrali. All’interno, lo spazio dell’intero terminal si presenta come una piazza aperta ad accogliere i flussi continui di passanti al quale si aggiungono spazi per piccole attività commerciali.

Tre parametri per descrivere l’edificio:

Math: l’andamento ondulato della copertura, elemento principale della struttura, rispecchia funzioni matematiche che alterano l’andamento piano e lineare di una copertura classica o di un tetto piano. Ciò sottolinea il forte carattere dell’edificio, sia internamente che esternamente.

Discretize: ovvero trovare la più piccola particella che può descrivere l’elemento generatore di una forma, di cui noi percepiamo, a primo impatto, soltanto la totalità d’insieme. Nella copertura e struttura del Terminal di Penang, infatti, sono leggibili frammenti di geometrie che, replicandosi con regolarità, ricostruiscono un disegno d’insieme che caratterizza il padiglione.

Wireframe: la struttura dell’edificio mette in relazione estetica e funzionalità. Grandi “alberi” si presentano infatti in modo ripetitivo su una trama regolare definendo da un lato la struttura formale, e dall’altro quella strutturale dell’edificio.